Body shaming: mi vergogno ada andare in spiaggia

Conosciamo il fenomeno del body shaming e le conseguenze che questa pratica meschina ha su ognuna di noi.Certo è che la stagione estiva non aiuta e foto e commenti aumentano in maniera esponenziale.
Nonostante diverse case di moda abbiano scelto donne normali, che attenzione! Il mondo della pubblicità definisce comunque “curvy”, l’imbarazzo di spogliarsi se non si hanno forme perfette resiste e i commenti, che siano reali o virtuali si sentono eccome!

Tante ragazze giovani non vogliono andare al mare

Tante ragazze giovani non vogliono andare al mare, fanno diete rigidissime e si chiudono in casa perché temono di mostrarsi e non si accettano per quello che sono.
Questo purtroppo si trasforma spesso in comportamenti disfunzionali.
Subentrano la tristezza, la frustrazione verso un corpo che è mio ma rifiuto, fino ad arrivare a disturbi d’ansia, depressivi e disturbi del comportamento alimentare. Con conseguenze anche gravi per la salute.

Imparare ad accettarsi

Certo che devo vincere un mio limite, ma forse posso imparare ad accettarmi per quello che sono, guardarmi, almeno io, con occhi buoni e ricordarmi che c’è chi preferisce un bel sorriso a una coscia snella.

Perciò, se vi sentite in difficoltà, chiedete aiuto, e concentratevi di più sui rapporti positivi e reali che sui commenti in rete.
L’attenzione di quel tipo lasciamola alle “starlette” dei social, che credetemi, usano sapientemente i filtri, per nascondere imperfezioni che appartengono a tutte noi.